Vai

Home CASAndo Utile

Condividi Consiglio

Ricerca Annuncio

Pubblica Annuncio

Quali i tipi ed i costi di un passaggio di proprietà - successione -

image data Dicembre 2012

Il passaggio di proprietà può avvenire anche utilizzando:


a)    Successione  è una forma di passaggio di una proprietà tra una persona defunta ed i suoi eredi.

Alla morte di una persona i suoi beni ed i suoi debiti passano agli eredi, come stabilito dalla legge con l’articolo 456 del c.c.

Il codice civile comunque da la possibilità ai chiamati all’eredità di accettare o rinunciare. I termini per la rinuncia sono bel fissati, ovvero 90 giorni dalla data del decesso nel caso in cui il chiamato all’eredità è nel possesso o utilizza i beni inseriti nella successione art. 485, mentre viene prescritto dopo 10 anni se il chiamato non è in possesso dei beni o non li utilizza art. 480.

Chi rinuncia all’eredità o non da il via alla successione facendo scadere i termini è come  se non  fosse mai stato chiamato come erede.

 

Per il calcolo dell’imposta da pagare, le aliquote e le franchigie (vengono aggiornate ogni 4 anni) cambiano in base alla parentela che c’è tra il defunto ed il beneficiario, e se per il beneficiario è prima casa o altro immobile.


Imposte da pagare se per il beneficiario è prima casa

  

SOGGETTI

 

IMPOSTA DI SUCCESSIONE

 

 

IMPOSTA IPOTECARIA

per immobili in successione

 

 

IMPOSTA CATASTALE

per immobili in successione

 

 

CONIUGE

PARENTI IN LINEA RETTA

 

4%

PER OGNI BENEFICIARIO FRANCHIGIA DI 1.000.000 DI EURO

 

 

 

 € 168,00

 

  

 

€ 168,00

 

  

 

 FRATELLI

 SORELLE

 

 

6%

PER OGNI BENEFICIARIO FRANCHIGIA DI 100.000 DI EURO

 

 

 

€ 168,00

 

 

 

€ 168,00

 

 

PARENTI FINO AL 4° GRADO

AFFINI IN LINEA RETTA

AFFINI ENTRO IL 3° GRADO

 

 

6%

SENZA FRANCHIGIA

 

 

€ 168,00

 

 

 

€ 168,00

 

ALTRI SOGGETTI

 

 

 8%

SENZA FRANCHIGIA

 

 

€ 168,00

 

 

 

€ 168,00

 

 

SE IL BENEFICIARIO E’ UNA PERSONA PORTATRICE DI HANDICAP GRAVE RICONOSCIUTO DELLA L. 104/92 E’ PREVISTA UNA FRANCHIGIA MAGGIORE PARI A 1.500.000 EURO 


Imposte da pagare se per il beneficiario è altro immobile

  

SOGGETTI

 

IMPOSTA DI SUCCESSIONE

 

 

IMPOSTA IPOTECARIA

per immobili in successione

 

 

IMPOSTA CATASTALE

per immobili in successione

 

 

CONIUGE

PARENTI IN LINEA RETTA

 

4%

PER OGNI BENEFICIARIO FRANCHIGIA DI 1.000.000 DI EURO

 

 

2%

minimo € 168,00

 

  

1%

minimo € 168,00

 

  

 

 FRATELLI

 SORELLE

 

 

6%

PER OGNI BENEFICIARIO FRANCHIGIA DI 100.000 DI EURO

 

 

 

2%

minimo € 168,00

 

 

 

1%

minimo € 168,00

 

 

PARENTI FINO AL 4° GRADO

AFFINI IN LINEA RETTA

AFFINI ENTRO IL 3° GRADO

 

 

6%

SENZA FRANCHIGIA

 

 

2%

minimo € 168,00

 

 

 

1%

minimo € 168,00

 

ALTRI SOGGETTI

 

 

 

8% SENZA FRANCHIGIA

 

 

2%

minimo € 168,00

 

 

 

1%

minimo € 168,00

 

 

SE IL BENEFICIARIO E’ UNA PERSONA PORTATRICE DI HANDICAP GRAVE RICONOSCIUTO DELLA L. 104/92 E’ PREVISTA UNA FRANCHIGIA MAGGIORE PARI A 1.500.000 EURO 


Per svolgere l’apertura della pratica di successione c’è bisogno di una serie di documenti

- Certificato di morte in carta semplice

- Dichiarazione sostitutiva atto di notorietà attestante la situazione di famiglia originaria del defunto, in carta semplice

- Codice fiscale del deceduto in fotocopia

- Codice fiscale degli eredi in fotocopia

- Certificato di residenza del defunto

- Certificato di residenza degli eredi

- Documento di identità di tutti gli eredi in fotocopia

- Testamento ( se esiste)

- Copia degli atti notarili relativi ai beni (fabbricati e terreni) del defunto

- Atti di donazione stipulati in vita ed atti di vendita fatti negli ultimi 6 mesi di vita del defunto

- Successioni precedenti

- Visure catastali dei beni del defunto

- Documentazioni relative a variazioni sui fabbricati (ampliamenti, frazionamenti, abusi, condoni)

- Per i conti correnti sia postali che bancari, dichiarazione, da parte della banca e/o posta del saldo ed interessi alla data del decesso.

 

La successione coinvolge tutti i legittimi eredi ma esiste una normativa ben precisa su come devono essere ripartiti i beni tra i vari tipi di parentela, nello schema sottostante ci sono riportati tutte le quote suddivise in base al tipo di rapporto parentale.


Eredi

Come ripartire la quota tra parenti

Coniuge ed un figlio

1/2 coniuge,    1/2   figlio

Coniuge e due o più figli

1/3 coniuge, 2/3 da dividere tra i figli

Coniuge

Tutta l’eredità

Coniuge e ascendenti

2/3 coniuge, 1/3 ascendenti

Due o più figli

In parti uguali tra tutti i figli

Un figlio (da solo)

Tutta l’eredità

Fratelli

In parti uguali tra tutti

Coniuge e fratelli

2/3 coniuge, 1/3 fratelli

Coniuge, ascendenti e fratelli

2/3 coniuge,1/3 altri ma min 1/4 ascendenti

Ascendenti e fratelli

Min 1/2 ascendenti, parti uguali

Solo ascendenti

In parti uguali tra tutti

Altri parenti fino al sesto grado

In parti uguali tra tutti






Autore:  Redazione   
    
          Share on Tumblr




Iscriviti a CASAndo UTILE

Nome: *
Mail: *
Informativa Privacy

Cosa devi fare?

Devo affittare/andare in affitto
Devo comprare/vendere casa
Devo ristrutturare casa
Devo traslocare
Documenti utili
Il condominio - regole