Consigli immobiliari

Una nuova risorsa per chi si avvicina al mondo immobiliare

img areariservata
Vuoi pubblicare un articolo su "Consigli immobiliari"?

Vuoi cercare qualche casa in affitto?

Vuoi cercare qualche casa in vendita?

Vuoi cercare la casa con GoogleMap?

La Privacy in Condominio

Introduzione
La ragione principale che regola le norme sulla privacy è la tutela del diritto alla protezione dei dati personali. Possiamo quindi dire che la finalità della legislazione sulla privacy è di fare in modo che le informazioni siano corrette, corrispondano dunque alla realtà, e che siano diffuse negli ambiti ad esse pertinenti; o comunque corrispondenti alla volontà dell’interessato.
Inevitabile dire che siano state create anche norme riguardanti la realtà del condominio con le stesse ragioni e finalità.

Prima di affrontare il piccolo universo della privacy nel condominio è bene fare un po’ di chiarezza sui termini che troveremo:
Viene definito Trattamento quell’insieme di operazioni riguardanti la raccolta, la registrazione, la conservazione e la consultazione di dati. Il dato personale è invece, quell’informazione relativa alla persona fisica, giuridica, ente od associazione.

Condominio a prova di privacy
“Condominio a prova di privacy” è il modo in cui viene chiamato il provvedimento generale del 28/06/2006 volto a prescrivere anche ai condomini, per il trattamento di quei dati rilevati in assemblea condominiale, le “regole” per una corretta gestione degli stessi.
I punti principali del provvedimento sono:
1)  Il condominio è titolare del trattamento, le informazioni  personali che può trattare sono solo quelle pertinenti e necessarie alla gestione e all’amministrazione delle parti comuni. Queste informazioni possono essere riguardanti tutto il condominio ma anche dei singoli partecipanti alla proprietà comune (quote millesimali, dati anagrafici etc.)
nota: informazioni come il numero di telefono possono essere trattate solo con il consenso degli interessati salvo che non siano già presenti in elenchi telefonici pubblici.
2) Mettere avvisi di mora o di sollecitazioni di pagamento in spazi condominiali aperti al pubblico è vietato; è invece consentita l’affissione di avvisi a carattere generale (comunicazioni urgenti o convocazioni di assemblee)
3) I dati di tipo sanitario possono essere trattati solo se è indispensabile ai fini dell’amministrazione del condominio (ad esempio, l’abbattimento di barriere architettoniche)
4) La comunicazione dei dati personali è consentita solo col consenso informato (a meno che non ricorrano presupposti di legge).
5)  L’assemblea di condominio:
    -è consentito far partecipare degli estranei solo previo consenso dei partecipanti, salvo casi previsti dalla legge (come ad esempio consulenti o tecnici chiamati a intervenire).
    -è possibile effettuare una videoregistrazione della seduta di assemblea solo col consenso informato di tutti i partecipanti.
6)  L’amministratore di condominio:
    - deve esercitare le misure idonee di sicurezza previste dal codice della privacy per le informazioni di cui dispone nel suo specifico ruolo.
   - può accedere ai dati riguardanti il condominio nel suo complesso (consumi globali).
7)  Il condomino: 
può sempre accedere ai dati che lo riguardano rivolgendosi all’amministratore.
Al fine di verificare l’esattezza degli importi dovuti  può essere informato, per il rendiconto annuale ma anche su richiesta, delle somme dovute dagli altri condomini ed, in caso, di eventuali inadempienti.

Autore:  Giacomo   
    
          Share on Tumblr




Newsletter

Iscriviti a CASAndo utile

Cosa devi fare?

Devo affittare/andare in affitto
Devo comprare/vendere casa
Devo ristrutturare casa
Devo traslocare
Documenti utili
Il condominio - regole

▲ Torna su